0

Poi arrivano gli eroi, prendono la luce e la mettono a posto.

La casa l’abbiamo disegnata tutti: le pareti, il tetto spiovente, una porta e le finestre.
I più volenterosi aggiungevano anche un giardino e un cucciolo di labrador. I più ricchi invece andavano oltre e quindi vai di barbecue, piscina con donne e uomini fantastici, garage e suv sempre in moto dentro.
Io ero scarsissimo a disegnare e disegnavo un monolocale: disegno profetico è stato.
Vabbè, la casa l’abbiamo disegnata tutti e quando la disegnavamo nessuno immaginava di vederla crollare.
In Italia per ora sta andando un po’ così.
Non ho mai scritto nulla sui terremoti di questi mesi perché è impossibile. Non ci riesco. Cosa possiamo dire noi che rientriamo tra i “fortunati”? Io mi sento minuscolo rispetto a chi sta affrontando il terremoto in prima persona. Ogni persona che abita da quelle parti per me è un eroe. Punto e basta. Noi dobbiamo solo aiutare. Stop.
Poi questa mattina ho beccato sto disegno per strada e una cosa mi è passata per la testa: gli eroi alla fine vincono sempre. Prendono il buio, lo cacciano via e rimettono la luce al suo posto. Forza!!!

RSS
Follow by Email
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://www.iogero.it/2016/10/30/poi-arrivano-gli-eroi-prendono-la-luce-e-la-mettono-a-posto/
INSTAGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *